Ammissione in gara: impugnativa solo dopo la pubblicazione degli atti di procedura

La sentenza in commento è la finale statuizione di un importante processo che ha occupato la Terza Sezione del Consiglio di Stato, avente ad oggetto l’impugnativa d’appello della sentenza n. 843/2017, depositata dalla Terza Sezione del T.A.R. Toscana, con la quale era stato accolto il ricorso di prime cure promosso da un operatore economico che, escluso dall’aggiudicazione, aveva chiesto l’annullamento dell’affidamento alla prima vincitrice – deducendo, a proprio sostegno, motivi di qualità e caratteristiche del prodotto –.Avverso tale ultima decisione di prime cure, dunque, ha proposto appello l’aggiudicataria estromessa dal T.A.R. che, affiancata dall’Amministrazione resistente, ha cercato l’annullamento della sentenza n. 843/2017 basando la propria difesa sostanzialmente sulla scorta di due motivi: il primo, relativo alla tardività del ricorso proposto dalla vincitrice in prima istanza; il secondo, relativo all’erronea interpretazione degli atti di disciplina della procedura di gara e, dunque, alle caratteristiche dell’offerta.Per evidenti ragioni di economia delle argomentazioni processuali, il Consiglio di Stato si è concentrato sull’eccezione preliminare di tardività dell’impugnativa, sollevata dall’appellante e sostenuta anche dalla P.A.In argomento, l’interessata sosteneva che l’appellata avrebbe impugnato il provvedimento ben oltre il termine di 30 giorni di cui al Codice del processo amministrativo: tale asserzione, non di meno, prendeva a riferimento la data di pubblicazione dell’aggiudicazione provvisoria (rectius, proposta di aggiudicazione), senza considerare la circostanza che con detta pubblicazione non era svelato alcunché in ordine all’iter logico-argomentativo e procedurale, cosa invece accaduta con la pubblicazione del provvedimento di aggiudicazione definitiva (ritualmente e puntualmente impugnato).È questo, di fatto, un argomento di sostegno alla ammissibilità dei c.d. “ricorsi al buio”, secondo cui un ricorrente – appena conosciuta l’esistenza di un dispositivo provvedimentale sfavorevole – dovrebbe attivarsi immediatamente con l’impugnativa, solo successivamente determinando – con motivi aggiunti – la consistenza dei motivi di censura e le prove istruttorie o documentali; come noto, tale istituto è stato a lungo dibattuto e discusso, finalmente accantonato in favore della piena affermazione di un principio di economia processuale che riafferma la necessità di ricorso solo allorquando siano chiaramente ostesi tutti gli atti che hanno condotto al dispositivo finale (evitando, peraltro, l’inutile deposito di ricorsi successivamente manifestatisi infondati).La Terza Sezione, tuttavia, non ha offerto alcun sostegno alle tesi dell’appellante, ribadendo la puntualità della notificazione del ricorso e, contestualmente, l’inammissibilità della prassi delle impugnative “al buio”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi