Bolletta luce: rincari per colpa dei morosi. Cosa è vero?

Le fake news sull’aumento della bolletta della luce per coprire gli scoperti dei morosi, ecco quali sono le bufale e qual è la verità.

Sulle bollette della luce verrà inserita una nuova voce di pagamento: un contributo per sanare il debito lasciato dai morosi alle compagnie elettriche. Il provvedimento dell’Arera – questo il nuovo nome dell’Autorità dell’Energia Elettrica – è vero e non si tratta di una bufala. Ma accanto a questa notizia, sono apparse sul web una serie di fake news che val la pena di sfatare.

Che cosa è successo?

Arera ha autorizzato la ripartizione tra gli utenti degli oneri generali di sistema – una parte della fattura elettrica – lasciati insoluti da numerosi utenti e che, in passato, hanno provocato il fallimento di molte società della luce. Ma non è la bolletta in sé bensì solo quella parte relativa alle imposte che le imprese elettriche – in qualità di sostituto d’imposta – fino ad oggi pagavano allo Stato anche per quei loro clienti che non le avevano versate. Il fenomeno dei mancati pagamenti della bolletta della luce viene così spalmato su tutti i consumatori che, in questo modo, pagheranno il conto di chi evade la corrente.

Pagheremo in più 35 euro su ogni bolletta?

Non è vero che dovremo pagare 35 euro in più sulla bolletta elettrica a causa dei consumatori morosi. La notizia non è fondata. Secondo le prime stime, il risarcimento dei mancati pagamenti degli oneri generali del sistema elettrico potrebbe pesare fino a massimo 2,5 euro l’anno per ogni consumatore medio, pari a una trentina di centesimi per bolletta bimestrale.

Come mi accorgo della presenza in bolletta della “sovratassa”?

A differenza del “canone Rai”, che è una voce a parte, il nuovo balzello non sarà riportato con una voce separata nella bolletta; pertanto non potrà essere individuato dall’utente.

Posso rifiutarmi di non pagare il nuovo balzello per conto dei morosi?

Assolutamente no. Chi dovesse rifiutarsi sarebbe anch’egli considerato moroso e subirebbe la procedura di recupero del credito con aggravio di spese e il rischio del distacco della luce.

Chi ha autorizzato il rincaro? 

L’autorizzazione è stata ufficializzata con un provvedimento dell’Arera ma si è trattato di un processo formato da molti atti normativi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi